Skip to content

Radioterapia o Chirurgia per la prostata?

March 15, 2012

E’ questa la domanda che spesso ci pongono i nostri pazienti frequentemente. In un centro come il Campus Biomedico è raro che i pazienti vengano da me prima di avere sentito altre opinioni. Spesso poi le ricerche su internet complicano le informazioni e confondono le idee. Di seguito riporto alcune mie idee sull’argomento:

1. Le variabili più importanti per la decisione sono due: le condizioni del paziente (età, aspettativa di vita e comorbidità) e lo stadio della malattia.

2. A parità di condizioni, la stragrande maggioranza degli studi clinici con oltre 10 anni di follow-up (ossia del tempo per cui i pazienti vengono seguiti dopo il trattamento) ha mostrato un vantaggio, in termini di sopravvivenza libera da recidive (ossia senza tumore clinicamente evidente) e sopravvivenza globale in tutti quei pazienti sottoposti a terapia chirurgica.

3. I dati precedenti sono ancora più evidenti quando i pazienti vengono seguiti per più di 15 anni 

4. La terapia conservativa è inferiore a tutte le terapie attive e questo è dimostrato ampiamente in studi osservazionali scandinavi

5. Il mito della radioterapia come “non invasiva” è appunto un mito. I pazienti radiotrattati soffrono di varie disfunzioni erettili, incontinenza e danni da radiazioni in maniera quantomeno uguale a quelli operati.

6. La chirurgia di salvataggio dopo fallimento della radioterapia, in caso di progressione del tumore è appunto di salvataggio e è gravata da una percentuale di complicanze notevole e dal 100% di impotenza postoperatoria

7. Gli urologi si trovano a dover prendersi cura delle complicanze della radioterapia e i pazienti (per fortuna pochi) in cui ci sono complicanze gravi delle radiazioni si trovano a non poter essere seguiti dai medici che hanno effettuato la radioterapia. Questo potrebbe essere ovviato in centri ad alta integrazione tra clinici e radioterapisti ma accade di rado anche in paesi con sistemi sanitari moderni.

8. Se il paziente ha una aspettativa di meno di 10 anni di vita sia la radioterapia che la chirurgia hanno scarsi effetti sulla sopravvivenza globale mentre la radioterapia può rappresentare un valido presidio terapeutico.

9. Lo stadio (cioè l’estensione dentro o fuori dalla prostata) e il grado (cioè quanto sono maligne le cellule cancerose) sono i principali fattori legati alla malattia. 

10. Salvo eccezioni, la chirurgia non è indicata nei casi in cui la malattia è clinicamente già fuoriuscita dalla prostata. 

 

From → Uncategorized

Leave a Comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: